fbpx
Prenotazioni
Your cart is currently empty.

la prima pasta alla norma? alla scala di milano

Qualcuno s’è preso il gusto di verificare quale sia la più nota ricetta siciliana, scoprendo, pertanto, che la Pasta alla Norma e l’arancino si contendono il primato.

Ma perché Pasta “alla Norma”? Leggenda vuole che sia stato il commediografo Nino Martoglio a lodarne la squisitezza, paragonandola al capolavoro in due atti di Vincenzo Bellini. Singolare una coincidenza: Norma fu interpretata per la prima volta nel 1831 alla Scala di Milano, dal soprano Giuditta Pasta. E, peraltro, fu un fiasco assoluto, sia l’opera e sia la storia d’amore tra il compositore catanese, che notoriamente non se ne faceva scappare una, e la cantante saronnese.

Pomodoro, basilico, ricotta salata e melanzane: questi gli ingredienti canonici della Pasta alla Norma di rito catanese. Ogni variazione viene aborrita come sacrilega. Non solo: si fa presto a dire pomodori o melanzane, ma quale pomodoro (costoluto, mai San Marzano!) e quale melanzana (Turca di Acireale), è rigorosamente codificato.


E che dire delle due scuole di pensiero che da tempo immemore si contrappongono, inneggiando l’una alla ricotta salata infornata, l’altra alla ricotta non infornata, bollandosi a vicenda di eresia? Noi che gli eretici li abbiamo sempre avuti in simpatia, pensiamo che di una ricetta siano sacre solo la necessità di essere tramandata e la genuinità degli ingredienti, non certo la sua immutabilità.

ar

I commenti sono chiusi