fbpx
Your cart is currently empty.

RICETTE TERRONE DI SLOWSUD – ANELLETTI ALLA PALERMITANA

Ciao amici Terrons, eccoci con una nuova ricetta, un classico della tradizione siciliana: gli anelletti alla palermitana! Toh, pensate che coincidenza, è la stessa di SlowSud, il migliore ristorante di Milano 🙂

Gli anelletti sono un formato di pasta impiegato nella cucina palermitana per realizzare paste al forno e timballi. È una pasta abbastanza INTROVABILE a Milano, noi l’abbiamo vista solo all’Esselunga (e sembravamo John Belushi quando vede la luce nei Blues Brothers 🎸).

Oggi ve la proponiamo nella versione palermitana, con ragù di carne siciliano, caciocavallo grattugiato e uova sode… la classica schiscetta leggera che i siciliani si portano al mare insomma!

E a proposito di roba light, potete provare anche a cucinare anche la nostra caponata (trovate la ricetta QUI), che con gli anelletti ci sta benissimo!

Per una versione ancora più tradizionale, si possono usare delle fettine di melanzane fritte per foderare la teglia, prima di versare la pasta. Il ragù siciliano è simile al classico bolognese: carne macinata stufata nella salsa di pomodoro, con l’aggiunta di piselli e mortadella a dadini.

Eccovi la ricetta!

COSA VI SERVE (dosi per 4 porzioni terrone)

  • 1 cipolla
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • 400g di carne trita
  • 100 g di piselli
  • 100 g di concentrato di pomodoro
  • 600 g di passata di pomodoro
  • 400g di anelletti
  • 300g di caciocavallo grattugiato
  • 100g di mortadella a dadini
  • 2 uova sode
  • Pangrattato q.b.

COME SI FA

  • Iniziare con la cottura del ragù: in una pentola, far soffriggere le verdure tritate, aggiungere la carne macinata e far rosolare (far sfumare con del vino a piacere), aggiungere il concentrato e la passata di pomodoro, allungare con un po’ di acqua e far cuocere per almeno 2 ore.
  • Mescolare di tanto in tanto e, se necessario, aggiungere altra acqua. A fine cottura, aggiungere i piselli.
  • Lessare la pasta, lasciandola molto al dente. Scolare la pasta e mescolarla con il ragù, le uova sode a pezzetti, il caciocavallo e la mortadella. Versare tutto in una teglia, spolverare con del pangrattato per gratinare, infornare a 200° per 20 minuti.

SUGGERIMENTI

  • Mi raccomando, dopo averli sfornati fateli riposare per almeno 15 minuti, devono insaporirsi!
  • Se ve ne avanzano un po’, il giorno dopo sono ancora più buoni!

Se non avete voglia di cucinare, venite a provarli da SlowSud! La ricetta è la stessa, aumentano solo le porzioni!

E voi come li fate? Avete altre versioni da suggerirci? Scrivetele nei commenti qui sotto 👇👇

Lascia un commento

Dubbi o problemi? scrivici subito su whatsapp