fbpx
Your cart is currently empty.

Diario

La càlia di Aristotele

In siciliano caliare significa tostare, per cui la calia è ceci tostati e leggermente salati che si comprano nei giorni di festa. E le feste, in Sicilia, sono soprattutto le ricorrenze religiose. La festa – di Sant’Agata a Catania, di Santa Rosalia a Palermo, di Santa Lucia a Siracusa. Quello della calia è il sapore rassicurante della devozione. La calia  si compra dagli ambulanti che te la preparano davanti, cuocendo i ceci in mezzo alla sabbia nera dell’Etna, indovinando la […]

Leggi

LA MAGIA DEL SESAMO

“Apriti Sesamo!” E’ la formula magica capace di spostare enormi massi dietro cui erano nascosti tesori da mille e una notte. La forza era tutta in quel seme – il sesamo, appunto –  apparentemente insignificante. Non sono riuscito a scoprire l’origine dei poteri attribuiti al sesamo tant’è che, proprio per questo, mi sembra ancora più magico.   La ricerca prosegue: nel frattempo, lo si continua a gustare sui migliori pani. Ma il sesamo è anche l’ingrediente fondamentale di uno squisito […]

Leggi

può una cesta di fichi radere al suolo una città?

Per nulla indigesti, eppure micidiali in mano a un grande persuasore come Catone il Censore. Anno 149 a. C.: Catone non riesce a convincere il Senato romano a dichiarare guerra a Cartagine, pericolosa città fenicia a un tiro di schioppo dalle coste siciliane. E’ a quel punto che decide di distribuire una cesta di fichi ai senatori. “Vi sono piaciuti?” chiede ai colleghi stupiti da quella messinscena. “Erano freschi?” “Freschissimi” gli risposero. “Ebbene, sappiate che questi fichi sono stati raccolti […]

Leggi

IL SAPORE DELLA FEDE

Lavuru, lavoro. Tutto il ciclo, dalla semina del grano alla mietitura, in siciliano si dice lavuru, lavoro per antonomasia. E i lavureddi sono cuscini di semi di grano lasciati germogliare su letti di ovatta bagnata. Vengono offerti a Pasqua in devozione, a ornare gli altari del Cristo morto e poi risorto. Profondi e imperscrutabili i nessi tra lavoro, grano e religione: frumento che diventa ostia e quindi corpodicristo: guai a masticarlo. Pane inciso da croci propiziatorie, terra arata al ritmo […]

Leggi

RILEGGERE OMERO

Un’idea mi ha sempre assillato, come un prurito ricorrente, una mosca ostinata. Quell’occhio ciclopico di cui Omero favoleggia, mi fa pensare all’antro del forno di pietra che dà vita e cibo alle case antiche della mia terra.  Polifemo mi riconduce all’enorme fatica che era necessaria per costruirsi una casa, una vita di zappa e sudore incarnata da quel gigantesco pastore esagerato nelle dimensioni, nella dedizione al lavoro, al vino, imprigionato in un’esistenza fatta di solitudine e abbrutimento, al punto da […]

Leggi

una pessima reputazione

Velenoso lo si credeva o, nel migliore dei casi, buono solo per abbellire le case azteche. Guai a mangiarlo, il pomodoro. Uno dei simboli più diffusi della gastronomia italiana se l’è dovuta guadagnare faticosamente la considerazione di cui gode oggi. Dal Cinquecento in poi, lenta ma inesorabile comincia l’ascesa del giallo ortaggio (il colore originario del Pomo d’oro): qualcuno, probabilmente spinto dalla fame, si accorge che velenoso non è e comincia a mangiarlo e a coltivarlo.   Ma ancora prima […]

Leggi

l’albero della conoscenza

Perché mai un morso a una mela ha scatenato siffatto putiferio? (“donna partorirai nel dolore. E tu uomo lavorerai nel sudore”). E perché proprio la mela e non una lussuriosa anguria o un’oscena banana? Peraltro, altri alberi hanno attentato alla fama del pomo, a cominciare dal fico, fornitore ufficiale – con le sue foglie – dei primi slip entro cui si costrinsero Adamo ed Eva, dopo il fattaccio. Caricandosi di ulteriori simbolismi, la mela ha attraversato i secoli. Era l’attributo […]

Leggi

elogio della lentezza, ovvero, sua maestà la Polpetta

E che a nessuno venisse in mente di teorizzare blasfeme similitudini con l’hamburger made in USA. Tra l’una e l’altro c’è lo stesso rapporto esistente tra un abito sartoriale italiano e una sottana in puro poliestere rosa shocking di rito texano. Si favoleggia di hamburger che non vanno mai a male, capaci di automummificarsi,  scadenza 31.12.2044: pare sia possibile in virtù di un impasto di sostanze chimiche in cui si possono rinvenire persino tracce di carne. Il sapore? Sale! Sodio […]

Leggi

sesso in pasticceria

In un casino. Pare che il cannolo siciliano sia stato inventato in una antica casa di piacere, più precisamente in un harem saraceno durante la dominazione araba, dalle parti dell’attuale Caltanissetta, nota come Kalt el Nissa, ovvero Città delle donne. Leggenda vuole che il prelibato cilindro celebrasse un’oscena dote del sultano. Allora come ora, si usava blandire il potente di turno. Conclusasi la dominazione araba, gli harem vengono chiusi, molte donne si convertono al Cristianesimo ed entrano nei conventi, portandosi […]

Leggi

PANE ROSSO

Rosso sangue, il sangue dei Milanesi uccisi dall’artiglieria del generale Bava-Beccaris. Era il 1898 e la folla protestava contro l’aumento del prezzo del pane, (trecento i morti, secondo i manifestanti, ottanta secondo il Governo, ma questo è un classico). Ottanta o trecento, cosa cambia? Ciò che mutava era il prezzo della farina che da 30 passava a 60 centesimi e che, aumentando così a dismisura, faceva la differenza tra il potersi sfamare o no. Per quella strage re Umberto I […]

Leggi
Dubbi o problemi? scrivici subito su whatsapp